Serie B 2023/24: Venezia-Sampdoria 5-3

Venezia, Domenica 14 Gennaio 2024 – Serie B, 20° giornata

Venezia-Sampdoria 5-3

16′ Pohjanpalo, 30′ Benedetti (assist Yepes Laut), 36′ Pohjanpalo (r), 59′ Pohjanpalo, 65′ De Luca (assist Depaoli), 71′ Depaoli (assist Ricci), 74′ Busio
77′ Ellertsson

Venezia (4-4-2): Jaronen; Candela, Altare (36′ s.t. Dembele), Sverko, Zampano; Lella (1′ s.t. Ellertsson), Tessmann, Busio, Johnsen (41′ s.t. Olivieri); Pierini (36′ s.t. Svoboda), Pohjanpalo (36′ s.t. Gytkjaer). A disposizione: Bertinato, Grandi, Modolo, Bjarkason, Tcherychev, Ullmann, Andersen. Allenatore: Vanoli.

Sampdoria (4-3-2-1): Stankovic, Stojanovic, Ghilardi, Murru, Giordano; Depaoli, Yepes (39′ s.t. Panada), Ricci; Benedetti, Verre (19′ s.t. Barreca); De Luca (39′ s.t. La Gumina). A disposizione: Ravaglia, Askildsen, Lotjonen, Malagrida, Girelli, F. Conti, Ntanda, Leonardi, Delle Monache.

  • Arbitro: Dionisi dell’Aquila. Assistenti: Cipriani di Empoli e Ceolin di Treviso. Quarto ufficiale: Frascaro di Firenze. VAR: Serra di Torino. AVAR: Sozza di Seregno
  • Espulso al 44′ p.t. Benedetti per doppia ammonizione;
  • Ammoniti al 3′ p.t. Lella, al 41′ p.t. Benedetti, al 43′ p.t. Verre, al 4′ s.t. Sverko, al 23′ s.t. Johnsen, al  per gioco scorretto, al 5′ s.t. La Gumina (non dal campo) per proteste;
  • Recupero 3′ p.t., 6’s.t.; spettatori ; terreno di gioco in discrete condizioni.

A Venezia, con la squadra ampiamente rimaneggiata per via di infortuni e squalifiche, arriva una pesante sconfitta, che va ad aggiungersi a quella rimediata a inizio stagione a Genova, quando la squadra di Vanoli ribaltò il vantaggio blucerchiato grazie a un gran finale di gara. Allora sembrava uno scontro diretto, oggi le due squadre si trovano alla siderale distanza di quindici punti. Una punta alla promozione diretta, l’altra, quella di Pirlo, viaggia con ancora speranze di playoff, ovviamente posizioni meno nobili, ma al momento si trova più vicina alla zona calda.

Era una di quelle partita da provare a vincere un pò contro pronostico, ma trovandosi ad affrontarla senza Gonzalez in difesa, Kasami e Vierira a centrocampo, Pedrola, Borini ed Esposito in attacco, le possibilità di spuntarla scendevano di molto. Il campo ha detto che nonostante i padroni di casa fossero praticamente al completo, la gara si è risolta in base a episodi più che per via di una superiorità dei giocatori in maglia nera. Nonostante i cinque gol finale questa non è stata uno di quei pomeriggi senza speranza e da buttare. Quest’anno abbiamo visto ben di peggio e in queste condizioni era oggettivamente difficile.

Nel primo tempo Venezia in vantaggio alla prima occasione. Ghilardi ribatte malamente un pallone in area consegnandolo di fatto sui piedi di Pierini, che serve Pohjanpalo appostato a due passi dalla porta. Tocco di classe, ma facile facile. Un minuto dopo chiara occasione per De Luca che cicca clamorosamente da ottima posizione. Al 21′ colpo di testa in piena area di Altare con Stankovic che blocca piuttosto centralmente. al 29′ la Samp pareggia con Benedetti che spedisce con forza e precisione all’angolino, su assist di Yepes Laut.

Il Venezia prova subito a riportarsi avanti. Al 31′ prima Pohjanpalo, poi Lella, hanno sulla testa il pallone del 2-1, ma il primo non ci arriva, il secondo manda sopra la traversa. Al 36′ però il finlandese riporta avanti i padroni di casa con un rigore perfetto assegnato per fallo idiotesco di Ricci, entrato in scivolata sull’attaccante. Al 44′ si completa il capolavoro dei blucerchiati. Benedetti, ammonito poco prima, commette un altro fallo irruento sotto gli occhi dell’arbitro e viene inevitabilmente espulso. Un pomeriggio che già si era messo in salita, con questa ulteriore fesseria, diventava una tappa alpina.

La partita perdeva a questo punto di valenza tecnica. Troppa facilità per il Venezia nel venir su e creare occasioni, troppo difficile per i doriani combinare qualcosa in dieci e con De Luca prima punta, pur tenendo bene il campo. Al 13′ della ripresa, Pohjanpalo firma la sua tripletta, questa volta su assist di Johnsen, ala sinistra che in B fa sovente la differenza. A questo punto i padroni di casa si rilassano un pà troppo e i blucerchiati riescono a riaprire la partita. Al 20′ improvvisamente De Luca pesca un jolly, dopo una partita oscena, calciando benissimo un pallone arrivato su passaggio verticale di Depaoli. Scavalca Joronen e la Samp torna in partita.

Al 26′ lo stesso Depaoli si propone centralmente, Ricci lo serve col contagiri e l’esterno beffa difensori e portiere. E’ 3-3. La squadra di Vanoli riprende subito a macinare gioco e alla prima occasione ritorna in vantaggio. E’ Busio al 29′ ad anticipare Giordano e bruciare Stankovic per il 4-3.  Al 33′ è il neoentrato Ellertson a chiudere la partita con un tiro secco a chiudere una azione un pò confusa in area, dove Ricci  è di nuovo protagonista in negativo. Veneti che rallentano un pò ma potrebbero anche segnare il sesto gol. Punizione che sarebbe stata davvero esagerata per una Samp pasticciona, ma generosa.

Le pagelle:

Stankovic 5,5. Cinque reti alle spalle, ma senza colpe particolari. Forse avrebbe potuto abbozzare l’uscita sul 4-3.

Stojanovic 5. Poco da segnalare in avanti, poco di positivo nel duello contro Johnsen e Zampano che gli fanno girare la testa dall’inizio alla fine. Da quella parte arriva una marea di pericoli. 

Ghilardi 5. Sbaglia malamente il rinvio sul primo gol, poi risulta comunque abbastanza in difficoltà su palloni alti e bassi.

Murru 5,5. Nessun errore grossolano da segnalare, ma anche lui viene travolto nella grandinata di azioni e gol dei veneti, soprattutto in inferiorità numerica.

Giordano 5,5. Benino in fase offensiva, con qualche cross interessante e assistenza continua, meno in difesa, dove commette errori di marcatura.

Depaoli 7. Anche se non supporta abbastanza Stojanovic in fase difensiva, ha il merito di proporsi tanto in avanti e trovare gol e assist nella fase della rimonta doriana.

Yepes Laut 6,5. Qualche colpa sul primo gol, poi sale in cattedra come sempre, fornendo tra l’altro l’assist per il momentaneo pareggio di Benedetti. Panada SV.

Ricci 5. Tutto sommato  la migliore prestazione in maglia blucerchiata, con tanto di assist per il 3-3 di Depaoli, funestata da un grossolano errore in occasione del rigore regalato al Venezia. Commette un’altra castroneria nell’azione del gol del 5-3.

Benedetti 5. Rovina la sua partita e quella della Sampdoria con uno scriteriato secondo fallo a pochi minuti dal primo, entrambi punti col cartellino giallo dall’arbitro. Stava giocando bene e aveva segnato il gol del pareggio. Per giocare a calcio bene, ci vuole anche tanto cervello…

  1. Verre 5,5. Qualche buono spunto, ma in soldoni niente gol e assist (anche perchè De Luca non li sfrutta). Una punizione alta di molto e altri due tiri fuori. Barreca 6. Il suo ingresso coincide col momento migliore della Samp, pur non risultando determinante in fase offensiva negli episodi chiave.

De Luca 5. Partita insufficiente nobilitata dal bel gol. Male negli stop e nei duelli contro Sverko e Altare, che quasi sempre prevalgono fisicamente. La Gumina SV.

Azioni principali:

Commenti post partita sul forum

Le parole di Pirlo nel post partita:

Classifica dopo 20 giornate:

Partita successiva:

Serie B 2023/24: Sampdoria-Parma 0-3

Partita precedente:

Serie B 2023/24: Sampdoria-Bari 1-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *