Serie A 2009/10: Sampdoria-Fiorentina 2-0

Genova; Sabato, 13 Febbraio 2010 ore 20:45: Serie A 24° Giornata
Sampdoria-Fiorentina 2-0
17′ Semioli, 39′ Pazzini (assist Ziegler)

Sampdoria (4-4-2): Storari; Zauri, Gastaldello, Lucchini, Ziegler; Semioli, Poli (74′ Padalino), Palombo, Guberti (58′ Mannini); Pozzi (70′ Tissone), Pazzini. A disposizione: Guardalben, Accardi, Scepovic, Cacciatore. Allenatore: Luigi Del Neri.

Fiorentina (4-2-3-1): Frey; Comotto, Gamberini (9′ Felipe), Kroldrup, Pasqual (68′ Ljajic); Montolivo, Donadel; Santana (15′ Marchionni), Jovetic, Vargas; Gilardino. A disposizione: Avramov, Bolatti, De Silvestri, Kerrison. Allenatore: Cesare Prandelli.

  • Arbitro: Morganti di Ascoli Piceno. Assistenti: Cariolato di Legnago e Romagnoli di Macerata. Quarto ufficiale: Ciampi di Roma 1.
  • Ammoniti: 26′ p.t. Kroldrup, 35′ s.t. Vargas, 41′ s.t. Felipe, 44′ s.t. Montolivo.
  • Spettatori: 24.000 circa.
  • Recupero 2′ p.t. e 3′ s.t.; serata fredda, terreno di gioco in pessime condizioni.

E sono quattro. Quattro come le vittorie di fila ottenute dalla Sampdoria in questo girone di ritorno da favola, ancora più bello – se possibile – dell’avvio col botto dell’andata. Un pareggio e un poker di successi di fila, ultimo quello di questa sera contro una Fiorentina annichilita di fronte allo strapotere blucerchiato. Strapotere fisico e caratteriale evidenziato in ogni reparto e legittimato dalla firma di due ex, Franco Semioli e Giampaolo Pazzini, che in viola avevano vissuto alterne fortune.

Del Neri sorprende tutti e cambia per due undicesimi la formazione che appena una settimana fa aveva espugnato il “Franchi” di Siena: Poli ritrova così spazio al fianco di capitan Palombo, mentre Guberti parte titolare sulla fascia sinistra, preferito a Mannini. La Sampdoria parte col piglio giusto e fin dalle prime battute fa intendere alla Fiorentina che sarà dura tornare da Genova con un risultato positivo: dapprima Poli e successivamente Ziegler sfiorano il gol con due incursioni sulla sinistra.

Come se non bastasse, a rendere ancora più complicata la vita alla formazione di Prandelli ci si mette anche la cattiva sorte: il tecnico di Orzinuovi infatti perde nel giro di cinque minuti prima Gamberini, costretto a lasciare il posto al brasiliano Felipe, quindi l’esterno argentino Santana, che viene sostituito da Marchionni. La Samp preme sulle corsie laterali, dove Semioli da una parte e Guberti dall’altra riescono a mettere in seria difficoltà Pasqual e Comotto.

E proprio da una discesa sulla sinistra di Guberti matura il vantaggio doriano: l’ex esterno della Roma va al cross, Pozzi di testa colpisce la traversa e sulla ribattuta Semioli – ancora di testa – riesce a battere Frey, con la complicità di una deviazione involontaria di Pasqual. Marassi, gremito, esplode di gioia.

Il Doria macina gioco e i gigliati non sembrano in grado di tenere il passo di Palombo e compagni, che viaggiano a mille all’ora. Prandelli chiede ai suoi di alzare il baricentro e nel momento di maggiore spinta dei toscani, ecco il raddoppio doriano. Ziegler batte da sinistra un calcio di punizione teso dalla trequarti, il Pazzo svetta più in alto di tutti e da ariete di razza gira in rete di testa l’assist del compagno. Il bomber di Pescia esulta in maniera contenuta, per rispetto nei confronti della sua ex squadra, ma viene letteralmente travolto dall’abbraccio caloroso dei compagni. 2-0: il “Ferraris” è in festa, la partita in ghiaccio.

Nel secondo tempo il leit motiv dell’incontro non cambia di molto. La Sampdoria detta i tempi del gioco e, forte del doppio vantaggio, riesce a rallentare il ritmo grazie all’ottimo palleggio. La formazione gigliata non riesce a reagire e gli unici brividi li regala ancora Pazzini, che per ben due volte al momento di battere a rete è ostacolato dal terreno di gioco, apparso in condizioni pessime. Timida la reazione viola, affidata a qualche conclusione da fuori area di Stevan Jovetic e del giovane Ljajic.

Il risultato però non cambia più: la Samp vince 2-0 e dopo cinque risultati utili consecutivi si ritrova in zona Champions: la squadra non guarda la classifica, ma i tifosi possono sognare.

www.sampdoria.it


Le pagelle

Storari 6,5; Zauri 6,5, Gastaldello 6,5, Lucchini 7, Ziegler 6,5; Semioli 7,5, Poli 7 (74′ Padalino 6), Palombo 7, Guberti 7 (58′ Mannini 6.5); Pozzi 7 (70′ Tissone 6,5), Pazzini 7.

Commenti post partita sul forum.

Classifica serie A – 21° giornata

[wpedon id=”5153″]

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento