Serie B 2023/24: Sampdoria-FeralpiSalò 2-3

Le parole di Pirlo alla vigilia:

Sabato 23 Dicembre 2023 ore 16,15 – Serie B, 18° giornata

Sampdoria-FeralpiSalò 2-3

13′ Bergonzi, 22′ Butic, 28′ Esposito [assist De Luca], 55′ Murru, 81′ Zennaro

Sampdoria (4-3-2-1): Stankovic; Depaoli, Ghilardi, Gonzaléz, Murru; Kasami, Yepes (35′ s.t. Ricci), Giordano (28′ s.t. Girelli); Esposito, Verre (1′ s.t. Benedetti); De Luca (43′ s.t. Ntanda). A disposizione: Ravaglia, Askildsen, Panada, Conti, Malagrida, Buyla, Stojanovic, Delle Monache. Allenatore: Pirlo.

Feralpisalò (3-5-2): Pizzignacco; Balestrero (28′ s.t. Parigini), Ceppitelli, Martella; Bergonzi, Kourfalidis, Fiordilino, Di Molfetta (28′ s.t. Zennaro), Felici (12′ s.t. Letizia); Compagnon (43′ s.t. Pietrelli), Butić (12′ s.t. La Mantia). A disposizione: Minelli, Volpe, Tonetto, Pilati, Sau, Hergheligiu, Camporese. Allenatore: Zaffaroni.

  • Arbitro: Pezzuto di Lecce. Assistenti: Alassio di Imperia e Belsanti di Bari. Quarto ufficiale: Viapiana di Catanzaro. VAR: Meraviglia di Pistoia. AVAR: Muto di Torre Annunziata.
  • Espulso al 32′ p.t. Kasami per comportamento non regolamentare.
  • Ammoniti al 3′ p.t. Ceppitelli, al 15′ p.t. Verre, al 42′ p.t. Butic, al 7′ s.t. Giordano, al 15′ s.t. La Mantia, al 26′ s.t. Kourfalidis per gioco scorretto.
  • Recupero 4′ p.t. e 5′ s.t.; abbonati 18.229 (rateo 200.234 euro), miniabbonamenti 561 (rateo partita 7.7059, paganti 3.565 (incasso 58.148 euro); terreno di gioco in discrete condizioni.

Da tifoso doriano è davvero difficile scrivere dopo una partita come questa. Un pò perché si è perso contro una avversaria dignitosa, ma modesta e non a caso ultima in classifica, un pò perchè quando una squadra gioca in dieci per la maggioranza del tempo, tutto risulta falsato. Non mi piace neppure quando l’avversario resta in dieci già nel primo tempo, figuratevi se succede alla Samp, quando addirittura ha già preso due gol in casa…

Ed è proprio da qui che deve partire il giudizio. Come è possibile che una squadra così lanciata, che nelle ultime otto partite aveva centrato sei vittorie, tutte convincenti, di fronte a ventiquattromila spettatori che spingono, a due giorni dal Natale, non entri in campo con la rabbia sportiva di mangiarsi gli avversari, o perlomeno di non farsi mettere sotto? Questo è un evento molto grave. E’ stato quasi normale nei primi due mesi di stagione, ma sembrava superato.

E poi ci sono le assenze, che continuano a non dare importanti scossoni dalla panchina, un pò anche per qualche discutibile scelta di Pirlo, Ma la verità, poche chiacchiere, è che hai preso due “fischioni” dalla FeralpiSalò a Marassi in venti minuti, sei riuscito a recuperare il punteggio nonostante l’inferiorità numerica e alla fine hai comunque perso, pagando sicuramente una situazione di stanchezza generale dopo aver combattuto strenuamente, ma sempre con gli stessi in campo.

La partita inizia nel peggiore dei modi. Al 22′ si è già sullo 0-2 e in balia degli ospiti. All’8′ Balestrero stacca di testa da solo in area doriana, ma non inquadra la porta, al 13′ Bergonzi, su cross basso di Felici, tira una prima volta, chiuso da Murru, poi una seconda a colpo sicuro. Il raddoppio nove minuti dopo, con Butic che di testa, senza alcun contrasto dei nostri insacca all’angolino opposto su cross da destra.

Fino al 26′ la pericolosità della Samp si esaurisce in due colpi di testa a lato di Gonzalez. Poi Esposito su passaggio di De Luca, effettua la solita giocata partendo da destra e sul tiro trova una deviazione che inganna il portiere: 1-2. Al 32 Kasami pensa bene di rifilare una gomitata a palla lontana a Kourfalidis e viene giustamente espulso dopo chiamata VAR. Doriani in dieci per i successivi sessantacinque minuti di gara.

I blucerchiati comunque cambiano marcia e mettono paura gli ospiti con bel tiro di Murru, a lato da fuori area, al 34′, e con De Luca, che arriva un pò tardi con la testa su un ottimo cross di Giordano. Ma nel finale di tempo è Stankovic a tenere a meno uno la squadra, parando miracolosamente sull’acrobazia del numero dieci ospite, Di Molfetta, ormai sicuro di aver siglato l’1-3.

Si torna in campo con Benedetti al posto di uno spento Verre. Al 55′ Murru trova il pari ed è un gol frutto della caparbietà dei doriani. Esposito aggredisce Ceppitelli, che sbaglia, e De Luca disturba il portiere che respinge sui piedi di Murru, freddo a calciare di prima intenzione, al volo, nella porta ormai sguarnita. Al 58′ si rischia addirittura il sorpasso, con De Luca che spara in diagonale su servizio di Esposito, ma Pizzignacco para.

Inizia una fase dove sembra possa succedere di tutto. Stankovic para due volte su bei tiri di Compagnon, De Paoli colpisce male da ottima posizione, su cross di Giordano leggermente deviato, mentre Di Molfetta, con la testa mette a lato in situazione molto favorevole e ancora una volta trovando scarsa opposizione dei nostri in marcatura aerea. All’81’ la beffa, con un tiraccio di Zennaro, ex Genoa, deviato dai nostri e infilato esattamente all’angolino sulla destra di Stankovic.

Resta un quarto d’ora da giocare, ma i blucerchiati, stanchi dall’enorme sforzo di giocare due terzi di partita in inferiorità numerica, non hanno più grande continuità. Arriva però un incredibile giocata di Esposito, che riceve in area da posizione defilata e spara sotto la traversa realizzando un gol pazzesco. Tutto vanificato da un fallo di Gonzalez intercettato dal VAR. Ultima occasione per De Paoli in acrobazia, ma Pizzignacco c’è e respinge.

Natale amarissimo per il mondo blucerchiato, che per fortuna tra tre giorni avrà un’altra partita, a questo punto da sbagliare meno che mai, col Bari. Dopo le sconfitte con Pisa, Venezia, Cittadella e Catanzaro, e le vittorie con Cosenza, Palermo, Spezia e Lecco, arriva quindi la quinta sconfitta a Marassi. Davvero una enormità considerando che sono state giocate solo nove partite di campionato a Genova.

Prossima da giocare oltre che senza Ferrari, Vieira Nan, Borini e Pedrola Fortuny, pure con Kasami squalificato. A questo punto ci sarà da inserire definitivamente Benedetti, che pare ormai pienamente ristabilito atleticamente e darà sicuramente una mano da qui alla fine. Purtroppo sono troppi invece le “riserve” che non stanno incidendo e questo è sicuramente il punto su cui riflettere in ottica mercato di Gennaio, ormai alle porte.

Pagelle:

Stankovic 6,5. Tiene in vita la Samp con una gran parata alla fine del primo tempo sull’acrobazia di Di Molfetta, poi due parate non difficili su Compagno. A mio parere poco da fare sui tre gol presi, anche se forse avrebbe potuto osare l’uscita sul cross del primo gol e provare a bloccare quello del terzo, che invece ha respinto proprio sui piedi di Zennaro. Ma son discorsi da poltrona.

Depaoli 6. Ha due buone occasioni per segnare sul 2-2 e sul 2-3. In occasione dello 0-1 decide di non contrastare Martella dedicandosi a un giocatore più vicino alla porta, ma cosìì il terzino ha tutto il tempo per crossare. Sullo 0-2 prova a contrastare Butic che lo brucia anticipandolo. Però lì non doveva esserci lui, ma Gonzalez o Ghilardi.

Ghilardi 4,5. Molto più a suo agio nella festa di Natale che oggi in campo. Svarione quasi subito, poi lascia colpire più volte di testa gli avversari in area.

Gonzalez Molino 5. Vicino al gol due volte di testa, ma anche lui è colpevolmente assente troppe volte sui palloni in area, nonostante la notevole statura. Sul gol dello 0-2 non marca nessuno.

Murru 6,5. Realizza un gol importante grazie anche al suo pressing ed è lui a salvare sul primo tiro di Bergonzi a colpo sicuro, che poi realizza comunque per il rimpallo favorevole.  In generale più giocate positive che negative. Troppo spazio lasciato sul cross in occasione dello 0-2, ma lì è fondamentalmente una rete dovuta a marcatura mancata.

Kasami 4. Poco in palla e nervoso fin da subito, decide di rovinare la partita e il Natale doriano facendosi espellere con un gesto assurdo. Vergognoso.

Yepes Laut 7. Anche oggi, in una giornata buia è tentacolare e sempre pronto a recuperare palla e smistare. Certamente uno dei migliori centrocampisti centrali del campionato. Ricci 5,5. Troppo poco per uno che dovrebbe prendere per mano la squadra quando è in campo. E poi errori  banali.

Giordano 6,5. Altra prestazione positiva in un ruolo tra interno ed esterno di centrocampo. Diverse iniziative e cross. Girelli 5. Corre tanto, ma con poca qualità e costrutto.

Verre 5. Primo tempo con poco da segnalare e qualche palla sbagliata di troppo. Benedetti 6. Porta una botta di dinamismo che da speranza ai blucerchiati. Sta pian piano riprendendo le misure al campo.

Esposito 7,5. Altra prestazione da incorniciare, con gol su azione personale, un altro propiziato col suo pressing e il potenziale 3-3 meraviglioso, annullato per un fallo precedente di Gonzalez. L’ultimo ad arrendersi.

De Luca 6. Fornisce l’assist per il gol di Esposito, che poi però ci mette del suo, e in generale risulta molto più a suo agio nel gioco di sponda e col pallone tra i piedi. Ha due occasioni per segnare, ma non riesce a trovare il secondo gol di fila. Ntanda SV. Mossa della disperazione nel finale e come nella scorsa apparizione offre un clamoroso assist al compagno nel finale.

Video azioni salienti:

Le parole di Pirlo nel post partita:


Classifica dopo 18 giornate

Partita successiva:

Serie B 2023/24: Sampdoria-FeralpiSalò 2-3

Partita precedente: 

Serie B 2023/24: Reggiana-Sampdoria 1-2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *