Jacopo Sala (Sampdoria 2016-2019)

Nato ad Alzano Lombardo (Bergamo) il 5 dicembre 1991, è un terzino di piede destro con discrete qualità tecniche. Viene utilizzato sia come esterno basso, che alto in una difesa a quattro, o anche quinto di destra nel centrocampo a tre. Le sue caratteristiche migliori sono la corsa, la velocità e il dribbling.

Cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta, a 15 anni ha firmato un contratto giovanile col Chelsea. Qui ha vinto la FA Youth Cup nel 2010. Nella stagione 2008/09 gioca nella squadra delle riserve prima di diventare, nel 2009/10, parte integrante della squadra senza però mai esordire. Il Chelsea vince il campionato.

Nell’estate 2011 viene ceduto all’Hamburg. Dopo 5 presenze, 1 gol e 1 assist nella squadra riserve, nel Gennaio 2012 esordisce in Bundesliga contro il Borussia Dortmund. La sua stagione è condizionata dagli infortuni muscolari, mentre nella seconda trova comunque poco spazio. Chiude l’esperienza tedesca con 21 presenze e 1 gol.

A Luglio 2013 passa a titolo definitivo all’Hellas, neopromosso in serie A. Con i gialloblu veronesi ha collezionato 52 presenze, 3 reti e 4 assist in 2 anni e mezzo, con in mezzo gli immancabili problemi muscolari che ne hanno in certe fasi condizionato il rendimento.

Stagione 2015/16

Il 30 gennaio 2016 viene acquistato dalla Sampdoria, che gli fa sottoscrivere un contratto fino a giugno 2020. Il giocatore sceglie la maglia numero 22.

Il giorno dopo esordisce con maglia blucerchiata nella sconfitta 3-2 contro il Bologna. Il 3 febbraio 2016, durante Sampdoria-Torino, si procura una lesione muscolare ai flessori della gamba sinistra e rientra solo per le ultime tre giornate.

Voto SV: Ha delle qualità sopra la media ma deve essere più concreto e non perdere la testa. Gli ho visto più volte fare interventi sconsiderati. Comunque non giudicabile visto il basso minutaggio.

Stagione 2016/17

Si ferma per problemi muscolari (principalmente ai polpacci), in ben quattro differenti momenti della stagione.

Voto 5,5. Tanti infortuni fisici e poche partite dal voto positivo.

Stagione 2017/18

Questa volta meno problemi fisici, ma tantissima panchina. Inizia come titolare solo 19 volte in stagione.

Voto 5. Tutto quello che volete, sarà anche fuori ruolo, ma è capace ad usare un solo piede e lo usa pure maluccio, un’altra stagione decisamente negativa.

Stagione 2018/19

E’ nettamente la sua stagione più positiva. Soprattutto nel girone di ritorno gioca spesso titolare giocando con disinvoltura anche a sinistra.

Voto 7. Bel riscatto il suo. Trattato male da gran parte della tifoseria, ha saputo ritagliarsi il suo ruolo mettendo a frutto le sue qualità tecniche. Si infortuna sempre parecchio, ma dal famoso paragone con Cancelo, è diventato un altro giocatore.

Riepilogo numerico in maglia blucerchiata

Il 2 settembre 2019 viene ceduto alla SPAL. Tuttavia, a seguito di prestazioni non convincenti, il 17 dicembre viene messo ai margini della rosa. Viene poi reintegrato in Febbraio a seguito dell’esonero di Semplici e l’arrivo di Di Biagio. Coi biancocelesti totalizza 16 presenze. Il 5 settembre 2020 si trasferisce a titolo definitivo allo Spezia dove firma un contratto fino al 2022. Fin qui grossi problemi fisici e qualche prestazione negativa. Dopo appena 7 presenze c’è già aria di cessione.

Ha collezionato ben 36 presenze e 2 reti nelle nazionali giovanili italiane (6 partite e 1 gol nella Under 21).

Fonti: Manicomio Blucerchiato, Wikipedia e Transfermarkt.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.