Serie A 2018/19: Sampdoria-Napoli 3-0

Genova, Domenica 2 Settembre, ore 20:30 – serie A, 3° giornata
Sampdoria-Napoli 3-0
11′ Defrel (assist Saponara), 32′ Defrel (assist Quagliarella), 75′ Quagliarella (assist Bereszynski)

SAMPDORIA (4-3-1-2) — Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru (59′ Sala); Barreto Caceres, Ekdal (84′ Vieira Nan), Linetty; Saponara (37′ Ramirez Pereyra); Quagliarella, Defrel. (Belec, Rafael, Colley, Leverbe, Tavares, Ferrari, Jankto, Caprari, Kownacki). Allenatore Giampaolo.

NAPOLI (4-3-3) — Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Diawara (71′ Rog) Zielinski; Verdi (46′ Ounas) Milik, Insigne (46′ Mertens). (Karnezis, D’Andrea, Maksimovic, Chiriches, Malcuit, Luperto, Hamsik, Fabian Ruiz, Callejon). Allenatore Ancelotti.

  • Arbitro: Massa di Imperia (Preti-Posado), quarto uomo Pairetto.
  • Spettatori: 20.000 circa.
  • Ammoniti: Ramirez, Diawara, Mario Rui, Allan, Rog, Vieira per gioco scorretto.
  • Tiri in porta: 4-6, fuori 4-6, in fuorigioco 2-3, calci d’angolo 2-5. Recuperi: 2′, 3′

Eccola la partita perfetta a Marassi contro una delle candidate allo scudetto, quelle che ci escono un paio di volte all’anno ed a cui Giampaolo ci ha abituato in queste stagioni alla Samp, alternate ad altrettanto roboanti scivoloni in trasferta contro avversarie che sulla carta sarebbero alla portata. Si gode, si gode immensamente per la bellezza della partita, lo splendore dei gol segnati, la rinascita della squadra blucerchiata dopo le prove opache negli esordi in coppa e campionato. Ma sono spesso queste le partite che accendono questa squadra e questa tifoseria. Mai dare quindi nulla per scontato.

Dopo un avvio equilibrato era Defrel in contropiede, imbeccato da un Saponara davvero in palla, a pescare il jolly in corsa, con un tiro potente ed angolato sul primo palo. Nulla da fare per Ospina, trafitto già dopo 12 minuti.

Quagliarella aveva l’occasione da buona posizione, ma metteva fuori di prima su ottima assistenza di un Murru davvero rigenerato ed esplosivo. L’unica occasione per la squadra di Ancelotti nel primo tempo arrivava con Milik che da posizione centrale faceva il solletico ad Audero. Era invece ancora il nostro attaccante francese a bucare la porta con un tiro ravvicinato su perfetto passaggio di Quagliarella abile a lavorare il pallone spalle alla porta.

Primo tempo quindi vicino alla perfezione con doppio vantaggio meritato. Nella ripresa ovvia grande sofferenza, con la reazione da grande squadra del Napoli, più volte vicino alla rete tenendo ritmi altissimi con Mertens, ma soprattutto Ounas che hanno creato scompiglio dalle fasce. La Samp ha rischiato di capitolare al 49′ con Milik, centrale di testa, con un cross di Ounas che per poco beffava Audero dopo una carambola, al 52′ ancora con due tiri di Milik ed Ounas quasi a colpo sicuro, entrambi deviati.

L’occasione più clamorosa era per Mertens al 55′, ma da ottima posizione dopo un pallone perso da Ramirez calciava debole su Audero.Da qui in poi la pressione non calava, ma le occasioni per il Napoli, a parte una situazione in cui la palla roteava pericolosamente quasi sulla linea di porta, non ne arrivavano più. Arrivava invece il capolavoro dell’ex di turno, bomber Quagliarella, che di tacco, al volo, risolveva il passaggio teso di Bereszysnki. 3-0 e partita messa “in ghiaccio”.

Restava tempo per altre due occasioni per Milik e Mertens, che divorava il gol della bandiera, e per Linetty, fuori di poco in corsa. Poco da dire sui nostri a livello di appunti. Si poteva sperare in un impatto migliore di Ramirez, vista la situazione di continue possibilità di contropiedi, ma è evidente che per ora Saponara, perfetto come a Udine, è il titolare. Poco lavoro per Audero, dietro un monumentale Bereszynski, determinante sul 2° e sul 3 gol, Andersen e Tonelli praticamente impeccabili, Murru finalmente convinto ed esplosivo fisicamente.

Gran primo tempo il suo. In mediana un Barreto generosissimo, un Ekdal diligente ed illuminante, che ha confermato quanto di buono fatto vedere a Udine nel finale e Linetty come al solito molto convincente a tratti, un pò assente in altri. Davanti eccellente il tandem d’attacco. I gol si commentano da soli. Epocale quello di Defrel, da leggenda quello del capitano.

Spazzati quindi via molti dubbi: Ekdal può fare il regista senza problemi. Deve solo crescere in condizione e poi c’è il giovane R. Viera che evidentemente, visto come è entrato bene in campo, non farà la comparsa in questa stagione. Dietro si era visto bene Colley a Udine, ma Tonelli ragazzi… che sicurezza! Una roccia con Andersen. E siamo anche pericolosi sui calci da fermo, con buoni saltatori in area avversaria. Poi vedremo meglio Jankto e soprattutto Praet che sarà il nostro valore aggiunto da Frosinone in poi.

Le pagelle: AUDERO 6; BERESZYNSKI 7,5 ANDERSEN 7 TONELLI 7+ MURRU 7+ (SALA 6); BARRETO 7- EKDAL 7,5 (VIERA NA 6+) LINETTY 6,5; SAPONARA 7 (RAMIREZ 6- ); DEFREL 8 QUAGLIARELLA 7,5

Le azioni principali (lega serie A)

Commenti post partita sul forum.

Le parole di Giampaolo

Le parole di Defrel

Le parole di Quagliarella

Classifica serie A – 3° giornata

[wpedon id=”5153″]

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento