Crea sito

Serie A 2018/19: Sampdoria-Genoa 2-0

Genova 14 Aprile 2019, ore 15:00 – serie A, 32° giornata
Sampdoria-Genoa 2-0
3′ Defrel (assist Quagliarella), 53′ Quagliarella [r]

Sampdoria (4-3-1-2): Audero; Sala (38′ st Bereszynski), Andersen, Colley, Murru; Praet, Ekdal, Linetty (13′ st Jankto); Ramirez; Quagliarella, Defrel (26′ st Gabbiadini). A disp.: Rafael, Belec, Tavares, Ferrari, Tonelli, Vieira, Saponara, Caprari, Sau. All.: Giampaolo

Genoa (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Pereira, Rolon (11′ st Lerager), Veloso, Bessa (32′ st Favilli), Lazovic; Pandev, Kouame (28′ st Sanabria). A disp.: Marchetti, Jandrei, Gunter, Lapadula, Pezzella, Mazzitelli, Radovanovic, Njie. All.: Prandelli

  • Arbitro: Calvarese
  • Ammoniti: Criscito, Pandev, Romero, Lerager, Bessa (G), Linetty , Gabbiadini (S)
  • Espulsi: 52′ Biraschi (G)
  • Angoli: 3-8. Recupero: 0’ pt, 4’ st.

Cronaca e commento

Una Samp solida e determinata riprende, dopo due sconfitte di fila, la sua corsa all’inseguimento delle prime otto e domina un derby che ancora una volta da quando Giampaolo siede sulla nostra panchina, ha visto i blucerchiati mostrare una evidente superiorità di tecnica ed organizzazione di gioco. Rossoblu che come al solito l’hanno messa soprattutto sul piano nervoso, impossibilitati a competere sulle qualità, rimediando una serie interminabile di cartellini e punizioni a favore del Doria.

La partita è stata davvero bella fino al secondo gol blucerchiato, coincidente anche con l’espulsione di Biraschi, poi è scivolata via abbastanza per inerzia fino alla fine. Padroni di casa subito in vantaggio al 3′ con Defrel che riusciva a deviare facilmente in rete un passaggio di Quagliarella da sinistra direttamente in area piccola.

Sampdoria-Genoa 2-0: il tabellino | Serie A | Calciomercato.com

Ma già nei primi due minuti c’erano state due occasioni: Kouame calciava da fuori area a giro sfiorando il palo alla destra di Audero, e poi Linetty, pescato meravigliosamente con un cambio di gioco di Praet, si smarcava col tacco ed impegnava Radu da posizione abbastanza defilata. Al 9′ ancora Samp, con Ramirez che direttamente su punizione chiamava il portiere ad un altro intervento sul primo palo.

A chiudere lo scoppiettante avvio di gara, un pregevole intervento di Sala su Lazovic pronto a calciare a rete da pochi metri. Per vedere un’altra occasione importante bisognava attendere il 28′ con un’altra splendida azione avvolgente doriana chiusa con un tiro al volo di Praet sull’esterno della rete sul perfetto cross di Murru da sinistra. Al 35′ ancora Samp vicinissima al 2-0 con Biraschi che salvava sulla riga un pallone deviato da Quagliarella in anticipo su Radu, servito da un eccellente Praet.

Al 40′ un gran tiro di Veloso deviato in corner da Audero e nel finale di tempo ancora grande occasione doriana con pallone mancato a due passi dalla porta dai nostri uomini avanzati su cross bassi di Defrel e poi Praet. Primo tempo di chiarissima marca doriana.

Secondo tempo che sembrava più equilibrato, ma su una azione Quagliarella – Defrel, il difensore Biraschi, già protagonista in negativo sul primo gol, vedendosi ormai scavalcato dal “sombrero” di Defrel metteva il braccio di istinto rimediando rigore ed espulsione per chiara occasione da rete. Il capitano siglava ancora una volta dal dischetto riprendendosi così la testa della classifica cannonieri.

Sampdoria-Genoa 2-0: sintesi e tabellino - Samp News 24

Seguiva una fase di partita abbastanza nervosa, con Pandev che cercava in tutti i modi di rimediare a sua volta un rigore con improbabili contatti in area. Patetico. Al 65′ secondo salvataggio sulla riga, questa volta su tiro a botta sicura di Jankto, subentrato a Linetty, ammonito. Decisivo il difensore Romero con Radu ormai battuto. A cavallo del 69′ le ultime possibilità genoane, con Criscito vicinissimo al palo su tiro da sinistra deviato e sulla successiva azione di corner una deviazione maldestra di Andersen finiva nuovamente ad un soffio dal palo.

Da qui in poi più botte che calcio giocato, con la squadra di Prandelli che comunque ha provato a creare qualcosa, ma senza costrutto. I ragazzi di Giampaolo hanno dato invece l’impressione di accontentarsi anche per via dei subentrati, anche oggi non all’altezza di Linetty e Defrel, che non hanno portato quella cattiveria in contropiede che avrebbe potuto rimpinguare il bottino.

Solo al 94′, un perfetto assist di Gabbiadini per Quagliarella consentiva al centravanti di poter portare a tre le nostre marcature, ma, anche per la bravura di Radu, il pallone toccato dal portiere rotolava beffardamente a pochi centimetri dal palo. Ma va bene così.

Highlights Sampdoria-Genoa 2-0 Serie A: video, formazioni, gol e tabellino

Riprendiamo quindi la retta via dopo l’immeritata sconfitta di una settimana fa con la Roma confermando uno stato di forma fisica e mentale che potrebbe ancora riproporci in chiave settimo posto, visto che davanti tra Lazio e Torino, sembra davvero una gara a chi fa peggio. Servirebbe comunque una continuità di risultati, soprattutto vittorie, che la Samp fin qui non ha dimostrato di avere.

Ma mai dire mai, anche perché i biancocelesti dovranno venire tra due settimane a Marassi e se i distacchi saranno ancora entro i 4/5 punti quello sarebbe un ennesimo spareggio. Sui singoli oggi, come d’altronde in quasi tutte le ultime partite, si è confermato l’asse di destra con Sala, Praet, Defrel veramente vicini alla perfezione. Si trovano ad occhi chiusi, ed oggi con il ritorno di Ekdal in cabina di regia, da quella parte è stata una giostra. Soprattutto per i genoani.

Molto bene anche Linetty, però ammonito e giustamente sostituito dal mister nella fase più calda della partita. In calo nel secondo tempo Ramirez, mentre Murru ha alternato ottimi spunti e cross a qualche passaggio sbagliato. Attento Audero, quasi perfetto Colley.

Le pagelle

AUDERO MULYADI 6,5 – Nelle poche occasione in cui viene chiamato in causa risponde presente.

SALA 7 – Presidia bene la sua zona di competenza e si propone sulla fascia. Puntale. BERESZYNSKI 6

ANDERSEN 6,5 – Non sbaglia praticamente niente, prospetto assai interessante.

COLLEY 7 – Vedi sopra, la coppia di centrali blucerchiati non concede praticamente alcunché a Kouamé e soci.

MURRU 6,5 – Si propone con qualità sulla fascia sinistra, con lieve flessione nel finale.

PRAET 7+ – Pimpante e qualitativo, in crescita costante. Pronto per il salto in una grande?

EKDAL 6,5 – Perno del centrocampo blucerchiato, stagione super la sua.

LINETTY 7 – Parte in quarta, poi un cartellino giallo condiziona negativamente la sua gara. JANKTO 5,5 – Entra voglioso di fare bene, ma fa più confusione che altro.

RAMIREZ PEREYRA 6 – A sprazzi tra le linee, avrebbe anche l’occasione di segnare ma non la sfrutta.

DEFREL 7,5 – Incontenibile. Si avventa sul cross di Quagliarella in avvio, propizia il penalty del 2-0; fa ammattire tutti quanti nella difesa del Grifone. Pazzesca la sua trasformazione nello scorcio di stagione più importante. GABBIADINI 5,5 – Una buona sponda per Quagliarella nel finale.

QUAGLIARELLA 7- – Mezzo punto in meno per quel gol divorato nel finale. Gol numero 22 in campionato cui addiziona l’ottavo assist: che splendida annata per lui.

I commenti sul forum

Classifica Serie A 2018/19 – 32° giornata


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *