Sampdoria – Stagione 1970/71

Dopo l’ennesima stagione di sofferenza ecco un ulteriore mercato di possibile indebolimento. Il presidente Colantuoni cedette altri due gioielli del centrocampo blucerchiato: Frustalupi passò all’Inter, in cambio dello stagionato fuoriclasse spagnolo Suarez Miramontes e l’attaccante Spadetto, mentre Benetti si accasò al Milan che in cambio diede alla Samp il centrocampista Lodetti ed un importante conguaglio.

La campagna acquisti deluse profondamente le aspettative della tifoseria. Intanto Marcello Lippi, rientrato dal prestito al Savona, si impose subito come libero titolare al posto di Garbarini. Da segnalare anche gli adii della “bandiera” Delfino e del deludente attaccante danese Nielsen, una “meteora” in blucerchiato.

Calcio Mercato Estate 1970 – Arrivi

Giorgio PELLIZZARO (P, Mantova), Marcello LIPPI (D, Savona), Marco ROSSINELLI (D, Spezia), Luis SUAREZ MIRAMONTES (C, Inter), Giovanni LODETTI (C, Milan) Dino SPADETTO (A, Bari).

Calcio Mercato Estate 1970 – Partenze

Ermes PATERLINI (P, Taranto), Angelo COLLETTA (D, Mantova), Giovanni DELFINO (D, ritirato), Mario FRUSTALUPI (C, Inter), Romeo BENETTI (C, Milan), Harald Ingemann NIELSEN (A, ritirato), Carlo JACOMUZZI (A, Novara)..

Cronaca della stagione 1970/71

Tra fine Agosto ed inizio Settembre la Samp prese parte al consueto gironcino di Coppa Italia, facendo meglio del solito, ma uscendo comunque dalla competizione. Vittoria a Perugia, pareggio pirotecnico con il Torino in casa e nuovo pari beffa a Terni, con rete incassata nel finale.

Il campionato cominciò male. Sconfitta in casa dei campioni d’Italia del Cagliari, seguite dai ko con Napoli e Milan. Seguì una fase molto positiva, con due vittorie e quattro pareggi. A Gennaio la Samp poco sotto la metà classifica, riuscì a battere la Juve a Marassi con le reti di Salvi e Cristin. Dopo una bella vittoria a Catania, che sembrava garantire ai blucerchiati un finale tranquillo, arrivò una serie di sei partite senza vittorie che riportò la classifica molto precaria.

Nelle ultime giornate però arrivarono due vittorie decisive al “Ferraris” contro Foggia e Varese, veri scontri diretti, e la salvezza fu sigillata con lo 0-0 di Vicenza all’ultima giornata, mentre il Foggia crollava a Varese e tornava in serie B per differenza reti sfavorevole rispetto a Samp e Fiorentina. Ancora una volta la squadra di Bernardini riuscì quindi ad evitare il baratro per un soffio. Tanto che ad un certo punto l’allenatore dichiarò: “Noi ci salviamo sempre perché abbiamo il salvagente sulla maglia”.

Terminato il campionato la Samp affrontò con animo leggero la coppa anglo italiana, che vide i doriani rimediare quattro sconfitte in altrettante partite con Huddersfield e Swindon. Le avversarie furono affrontate prima in Inghilterra e poi a Genova, dove in entrambi i casi la sconfitta di misura arrivò negli ultimissimi minuti. Andò meglio in Coppa delle Alpi, dove la Samp dopo un pareggio casalingo ed una sconfitta casalinga col Lugano, si riscattò parzialmente andando a vincere sia a Winterthur che a Lugano. Questi exploit non furono sufficienti, visto che la Lazio, fece meglio.

Tutti i tabellini e le classifiche della stagione 1970/71:

Sampdoria – Competizioni 1970/71

Tabella dei risultati nella stagione 1970/71

Rosa giocatori per la stagione 1970/71

Allenatore: Ernesto Matteo Poggi. D.T. Fulvio Bernardini.

NB: In celeste i giocatori confermati, in rosso quelli nuovi, in verde quelli provenienti dalle giovanili.

Stagione precedente:

https://www.manicomioblucerchiato.it/sampdoria-stagione-1969-70/

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento