Sampdoria – Stagione 1963/64

Nell’Estate del 1963 continuò il processo di rinnovamento della rosa. Purtroppo nel ricambio generazionale, la Samp si stava indebolendo anno dopo anno. Vicini andò al Brescia, Toro e Brighenti al Modena e Cucchiaroni si ritirò. Altri della vecchia guardia, come Bergamaschi, Marocchi e Toschi erano ormai scalati a riserve. Arrivarono due giocatori quotati come il franco-polacco Wisnieski e l’attaccante Barison dal Milan. Ma soprattutto venne dato tantissimo spazio a giovani veramente bravi come Morini, Tamborini, già titolare nella stagione precedente, Frustalupi e Salvi. Gli ultimi due diventeranno nel tempo grandi “bandiere” blucerchiate.

Calcio Mercato Estate – Arrivi

Walter FORANTE (C, Solbiatese), Luigi MAINARDI (A, Siena),  Maryan WISNIESKI (A, Palermo), Paolo BARISON (A, Milan), Remo VIGNI (A, Catania)

Calcio Mercato Estate – Partenze

Carlo SCAZZOLA (D, Carrarese), Francesco BERTOLAZZI (C, Spezia), Azeglio VICINI (C, Brescia), Manlio VIGNA (C, Pisa), Jorge TORO (C, Modena), Luigi MAINARDI (A, Livorno),  Santino MAESTRI (A, Palermo), Sergio BRIGHENTI (A, Modena), Gian Piero GHIO (A, Vis Pesaro), Ernesto CUCCHIARONI (A, ritirato)

Calcio Mercato Autunno – Partenze

Giancarlo PRATO (C, Palermo), Remo VIGNI (A, Monza).

Cronaca della stagione

Se il buongiorno si vede dal mattino, questa si capì subito che non sarebbe stata una stagione semplice. La prima partita ufficiale fu giocata in Coppa Italia a Prato, dove arrivò una secca sconfitta per 2-0, e conseguente eliminazione, contro una squadra di categoria inferiore. Nelle prime cinque giornate di campionato invece arrivarono due belle vittorie casalinghe con Messina e Catania e tre rovesci pesanti contro Roma, Fiorentina e Juventus in casa.

Tra Ottobre e Novembre ci fu il doppio scontro di Coppa Rappan coi polacchi del Polska Bytom. Sconfitta casalinga per 0-2 e pareggio 1-1 in trasferta, non sufficiente per accedere ai quarti di finale della competizione. Dopo un periodo discreto, con la squadra comunque mai troppo lontana dalla zona retrocessione, arrivò la sconfitta nel derby di andata. Da lì iniziò una fase disastrosa: cinque sconfitte consecutive, interrotte da una roboante vittoria per 5-1 a Catania, prima di altre due sconfitte contro Inter e Bologna.

A fine Marzo il derby di ritorno diede ossigeno alla squadra allenata da Ocwirk, che questa volta sconfisse per 1-0 i rossoblu, grazie alla rete di Barison. Qualche giornata dopo un’altra vittoria prestigiosa di misura a San Siro: 1-0 al Milan con rete del giovane Pienti. Ma nelle ultime quattro partite non arrivarono vittorie. Tre pareggi consecutivi e la sconfitta col Torino all’ultima giornata costrinsero la Sampdoria a disputare lo spareggio per non retrocedere a Milano contro il Modena degli ex Toro e Brighenti.

Fortunatamente le reti di Barison e Salvi nel secondo tempo, permisero ai nostri di proseguire l’avventura in serie A. Ma il campanello d’allarme ormai era suonato. Mai la Samp, nei suoi primi diciotto anni, era andata così vicino all’inferno. Persi negli anni i gol e la classe di giocatori come Mora, Ocwirk, Skoglund, Brighenti e Cucchiaroni e con Da Silva che non riuscì a ripetere i numeri della prima stagione, le difficoltà offensive erano cresciute, nonostante l’ottima vena di Barison. Per l’ex rossonero, alla prima in blucerchiato, arrivarono ben 14 reti in 25 presenze ed un solo rigore calciato. Deludente invece il rendimento di Wisnieski che infatti non fu riconfermato.

Tutti i tabellini e le classifiche della stagione 1963/64:

Sampdoria – Competizioni 1963/64

Tabella dei risultati nella stagione 1963/64

Rosa giocatori per la stagione 1963/64

Giocatori ceduti nell’Autunno 1963

Allenatore: Ernst Ocwirk.

NB: In celeste i giocatori confermati, in rosso quelli nuovi, in verde quelli provenienti dalle giovanili.

Stagione precedente:

Sampdoria – Stagione 1962/63

Precedente Sampdoria - Competizioni 1963/64 Successivo Sampdoria - Competizioni 1964/65

Lascia un commento