Sampdoria – Stagione 1954/55

Dopo una prima buona stagione a metà classifica, la Sampdoria di Ravano si assesta su quei livelli ringiovanendo la rosa nell’Estate 1954. Su segnalazione di mister Tabanelli entra in azione Edmondo Costa, valente manager che sarà anche presidente negli anni Settanta. Tra i titolari partono Gratton, Hansen e Fommei, ma lasciano la maglia blucerchata anche giocatori importanti come Coscia, Ballico, Hansen e Gotti. Arrivano comunque cinque pedine fondamentali per quegli anni: il terzino Farina, che diventerà poi capitano, i giovani Bernasconi, una delle “bandiere” della storia doriana, Chiappin e Arrigoni. A Dicembre viene inoltre acquistato il talento Rosa, direttamente dall’Argentina. Giocherà da Gennaio in poi con ottimo rendimento.

Calcio Mercato – Arrivi

Cosimo LA PENNA (D, Massese), Giuseppe FARINA (D, Torino), Gaudenzio BERNASCONI (D, Atalanta), Pietro CHIAPPIN (C/D, Modena), Alfredo ARRIGONI (A, Piacenza), Humberto Jorge ROSA (C/A, Rosario Central)

Calcio Mercato – Partenze

Aristide COSCIA (D, ritirato), Edy Giorgio GRATTON (D, Messina), Alberto FOMMEI (C, Atalanta), Andreino REPETTI (C, Messina), Giovanni BALLICO (C, Palermo), Karl Aage HANSEN (C, Catania), Clemente GOTTI (C, Catania), Mario SABBATELLA (A/C,Triestina), Alberto GALASSI (A, Piombino)

Cronaca della stagione

E’ un campionato vissuto senza infamia e senza lode, come al solito con differente rendimento tra partite in casa e in trasferta. L’inizio è promettente. La Lazio viene schiantata a domicilio (3-1 con reti di Tortul, Baldini e Ronzon). Ma Gunnar Nordahl ridimensiona subito la Samp: tripletta a Marassi. La settimana successiva l’ex Sabbatella batte due volte Pin, nel 3-1 che la Triestina rifila ai blucerchiati, poi arriva un pirotecnico 3-3 con la Fiorentina a Genova, con rimonta dei doriani, nel secondo tempo, dallo 0-3. In serie tre sconfitte esterne tutte per 1-0 contro Inter, Pro Patria e Torino, inframezzate da una vittoria interna con l’Atalanta.

La Samp quindi si ritrova al penultimo posto con 5 punti dopo 8 giornate. La settimana successiva, arriva il derby, contro un Genoa che si trova soltanto un gradino sopra. L’azzurro Carapellese porta in vantaggio il Grifone al 19’. La Samp non ci sta e Ronzon pareggia poco prima dell’intervallo ed al 47’ raddoppia con Tortul. Palla al centro e il Genoa pareggia un minuto dopo con Dal Monte. Con lo stesso punteggio si conclude la partita al ritorno.

La stagione va avanti con alternanza di prove straordinarie, come la stupenda vittoria in casa del Milan campione d’Italia (3-1) ed un clamoroso 5-1 rifilato a una vecchia e irriconoscibile Signora, bloccata sul 2-2 anche a Torino, a prova indecorose, come le due sconfitte a Busto Arstizio e Ferrara, in casa delle ultime della classe.

Alla fine è nono posto, a pari merito con il Torino e a ridosso di Juventus e Inter, rispettivamente settime e ottave. La tranquillità arriva grazie a una difesa rocciosa, la quinta del campionato, ed a un buon attacco che vanta tre giocatori in doppia cifra: Baldini, Conti e Ronzon, tutti a quota 10 gol. Ma si distinguono anche Tortul (9) e Rosa (8 da Gennaio in poi).

A fine stagione Lajos Czeizler affianca in panchina Tabanelli. Questa fu l’ultima stagione di Pinella Baldini: 73 reti in 186 gare ufficiali con la maglia blucerchiata, onorata fino alla fine.

Tabella dei risultati nella stagione 1954/55

Giocatori utilizzati nella stagione 1954/55

Precedente Sampdoria - Serie A 1954/55 Successivo Sampdoria - Serie A 1955/56

Lascia un commento