Sampdoria-Spal 3-0: commento e pagelle

Genova, Domenica 05 Luglio 2020 ore 19:30 – serie A, 30° giornata
Sampdoria-Spal 3-0
12′ Linetty, 45′ Gabbiadini, 45’+3′ Linetty

Sampdoria (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Jankto (24′ st Depaoli), Bertolacci (15′ st Askildsen), Ekdal, Linetty (44′ st D’Amico); Ramirez (24′ st Leris); Gabbiadini (15′ st La Gumina). A disp.: Seculin, Chabot, Bonazzoli, Maroni, Quagliarella, Murru, Rocha. All.: Ranieri

SPAL (4-4-2): Letica; Cionek, Vicari (15′ st Salamon), Bonifazi, Sala; Missiroli, Murgia (32′ st Tunjov), Dabo (1′ st Valdifiori), Strefezza; Cerri (24′ st Castro), Floccari (15′ st Petagna). A disp.: Thiam, Meneghetti, Reca, Felipe, Tomovic, Kryeziu, Cuellar. All.: Di Biagio.

Arbitro: Giacomelli

Ammoniti: Bertolacci (Sa), Cionek (Sp).

La Samp di Ranieri prosegue la sua corsa verso la salvezza travolgendo, a Marassi, una Spal combattiva ma poco concreta. La partita si è decisa nei minuti finali del primo tempo, quando con i blucerchiati già in vantaggio, Gabbiadini, con una magia su punizione, e poi Linetty (doppietta per lui), hanno indirizzato la serata verso l’ennesima vittoria contro le squadre della zona basa.

Ranieri propone ancora una volta una formazione “densa”, schierando Jankto esterno alto a sinistra, Ekdal e Bertolacci con ruoli di regia e interdizione e Linetty sul centro destra come cursore centrale e laterale. Poi Ramirez a fare da raccordo con l’isolato Gabbiadini. Dall’altra Di Biagio ha schierato la sua squadra col 3-5-2, dove da una parte correva l’insidioso dribblomane Strefezza e dall’altra il nostro ex terzino Sala. Davanti inizialmente non Petagna, ma la coppia Floccari (38 anni) e Cerri. Onestamente un duo d’attacco che forse potrebbe ben figurare in serie B.

Cronaca primo tempo

La partita è inizialmente molto equilibrata e bloccata. Ma alla prima occasione doriana è subito gol. All’11′ su una sventagliata di Ramirez da sinistra, il nostro ex Sala, svirgola l’intervento e serve Linetty poco fuori dall’area. Il polacco tira secco all’angolino e porta in vantaggio la Samp.

La Sampdoria vince ancora, travolta la Spal (3-0) | La cronaca | I ...

Al 14′ lui stesso si rende pericoloso controllando di petto e calciando in acrobazia sul cross preciso di Bereszynski. Pallone alto non di molto. Al 23′ grande occasione per il pareggio degli ospiti. Ma il cross di Murgia finisce proprio sulla testa del meno adatto, Strefezza. Comunque gran parata di Audero che salva il risultato. La partita va avanti con poche fiammate. Complessivamente è la Spal che conduce più il gioco, ma non produce altro.

Invece al 36′ Ramirez divora letteralmente il 2-0, fallendo da pochi passi al volo su perfetto servizio di Jankto, a sua volta pescato meravigliosamente da un Colley in serata di grazia, ce fa seguito alla già ottima prestazione di Lecce. Dopo una insidiosa punizione di Ramirez da posizione defilata, messa in angolo da Letica, la Samp raddoppia. E’ il 45′ quando Gabbiadini, su una punizione conquistata da Ekdal, calcia una delle sue sassate all’angolino, colpendo addirittura il palo prima che il pallone si insacchi. Capolavoro da distanza anche ragguardevole.

Sampdoria-SPAL 3-0: tabellino, voti, assist e pagelle per il ...

Al 48′, i blucerchiati trovano il contropiede giusto per chiuderla. Ramirez porta palla sulla sinistra e smista al centro, dove Gabbiadini fa “velo” ingannando il difensore e Linetty, tutto solo, fa due passi, si aggiusta il pallone, e scarica in rete.

Serie A, highlights Sampdoria-Spal: gol e sintesi della partita ...

Cronaca secondo tempo

Il secondo tempo è comunque abbastanza combattuto ed aperto nonostante il punteggio. La Spal ha il merito di non mollare ed attaccare con veemenza, incontrando anche una certa sfortuna. Al 13′ Audero si conferma in un buon momento di forma chiudendo ermeticamente su una botta ravvicinata di Cerri. Il pallone “balla” vicino alla riga di porta e Augello salva anticipando un avversario. Comincia la “girandola” delle sostituzioni. Da noi Askildsen e La Gumina, da loro due nostri ex (meteore): Salamon e Petagna.

Al 22′ altra buona occasione per Linetty, che smarcato da Bereszynski in area calcia male da buona posizione. Sul ribaltamento di fronte, al 23′ Petagna duetta con Cerri  e spedisce fuori una buona occasione. Per vedere qualcosa di interessante bisogna aspettare il 34′: un bel tiro a giro di Castro vola di poco alto sulla traversa. Poi al 36′ ci prova La Gumina, con un bel recupero palla sulla trequarti e botta potente sul primo palo. Solo esterno della rete.

Finale col Petagna show:37′ palo clamorosa do ottima posizione nel cuore dell’area e al 41′ poderosa conclusione da fuori area, su azione di calcio da fermo, che scheggia nuovamente il montante. L’ultimo tiro da segnalare è ancora di La Gumina al 44′, che non riesce ad angolare da posizione non semplice. Para Letica. La Spal onora la gara fino alla fine e la Samp si limita a ripartire in contropiede.

Finisce col rotondo punteggio di 3-0 in una partita più combattuta di quanto non dica il punteggio. La vittoria ovviamente non è mai stata in discussione dopo il micidiale uno-due nel finale del primo tempo. Ai punti gli ospiti avrebbero meritato un passivo minore, ma bravi i nostri a restare compatti e concentrati fino alla fine in modo da non concedere quasi nulla. Bravino Strefezza e bravo Petagna, giocatore certamente indispensabile in questa squadra.

Per il resto una Spal con diverse assenze e l’enorme problema del gol che li sta avvicinando sempre più alla serie B. Una Samp che invece conferma il suo rendimento eccellente con le squadre del suo livello e oggi vede la zona retrocessione lontana ben sette punti (e scontri diretti a favore col Lecce), cosa mai successa prima. Anche psicologicamente, aver scavalcato il Torino e raggiunto l’Udinese, è rassicurante. Pian piano Ranieri ci sta traghettando al sicuro.

Le mie pagelle

Audero 7: si conferma in ottima forma salvando la Samp due volte sull’1-0 e sul 3-0. Bene anche nelle uscite alte e reattivo anche su quei tiri in cui in passato dava l’impressione di essere sempre un pò in ritardo.

Bereszysnki 7: molto bene in fase difensiva, dove forse si fa vedere un pò meno di Augello, ma aiuta di più Yoshida e Colley a tamponare sugli inserimenti avversari, oltre che contro l’amico Sala. Mette due volte Linetty in condizione di far male.

Yoshida 7: altra prestazione autorevole. Bravo negli anticipi e nel leggere le situazioni sui palloni alti. Gioca il pallone da dietro con tranquillità.

Colley 7,5: primo tempo davvero mostruoso, mentre nel secondo si vede meno, ma comunque non sbaglia davvero nulla. Di testa o di piede sono tutte sue. L’uomo non gli sfugge mai, e anche il piede oggi appare decisamente educato. Dopo Lecce, si conferma ad alti livelli.

Augello 7: oggi gli tocca una brutta bestia come Strefezza, giocatore tecnico e brevilineo che avrebbe potuto metterlo molto in difficoltà. Non perde mai la testa e non si fa superare, costringendolo ad andare verso l’interno. Si propone continuamente in avanti mostrando una condizione ottima.

Linetty 7,5: la pausa gli ha fatto bene. E’ quel giocatore che ci mancava tremendamente. Eccellente negli inserimenti, sempre scaltro in zona gol e poi tempista negli interventi quando c’è da contrastare. Speriamo di averlo a disposizione fino alla fine. Due reti bellissime e importanti. D’Amico 6: prestigioso esordio in serie A, con i primi sette minuti in campo. Gioca con personalità e tecnica alcuni palloni sulla destra

Ekdal 6,5: le sue prestazioni sono sempre molto simili. Grande senso della posizione e regia della squadra. Prova più volte la discesa in avanti subendo fallo o aprendo bene ai lati.

Bertolacci 6-: incassa subito una ammonizione inutile e poi giostra a centrocampo toccando un buon numeri di palloni, senza accendere mai la luce. Non da l’impressione di essere in grandi condizioni atletiche. Askildsen 6: sembra la copia giovane di Ekdal,  e devo ammettere che più di una volta li ho scambiati nelle inquadrature da lontano. Inizia a prendere confidenza coi campi della A e mostra buone capacità tecniche.

Jankto 6,5: lui si che non ha problemi di corsa. Altra prestazione molto generosa, nobilitata dal meraviglioso assist in corsa al volo per Ramirez. Un “cioccolatino” che l’uruguaiano mette fuori da due passi. Leris 6-: altra occasione concessa da Ranieri non sfruttata fino in fondo. Peccato perchè con la forza che ha, in quegli spazi larghi pensavo potesse combinare qualcosa di buono.

Ramirez 6: ha il merito di aver innescato le due aperture che hanno poi portato ai gol di Linetty, complici madornali errori dei difensori biancocelesti. Per il resto si segnala per un gol divorato e spunti a corrente alternata. In una partita così poteva fare di più, ma meglio tenere qualche suo numero per il futuro. Depaoli 6: entra nel finale e si fa notare per un paio di buone chiusure difensive.

Gabbiadini 7-: parte maluccio, molto isolato e poco combattivo. Poi segna con uno dei suoi missili di sinistro e da tutto finchè resta in campo. La Gumina 6: sufficienza per l’impegno e per aver provato due volte la conclusione. Deve ancora dimostrare di valere almeno quel posto come riserva. Serve qualche gol.

Precedente Sampdoria Spal: conferenze e formazioni ufficiali Successivo Sampdoria-Spal 3-0: video di azioni e interviste

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.