Sampdoria-Bologna 1-2: commento e pagelle

Genova, Domenica 22 Novembre ore 15.00 – serie A, 8° giornata
Sampdoria-Bologna 1-2
7′ Thorsby (assist Candreva), 44′ Regini (a), 52′ Orsolini

Sampdoria (4-5-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Regini; (25′ st Jankto); Candreva, Thorsby, Ekdal, Adrien Silva (20′ st Ramirez), Damsgaard; Quagliarella. A disposizione: Ravaglia, Letica, Rocha, Verre, Askildsen, La Gumina, Gabbiadini, Ferrari, Leris, Prelec. All.: Ranieri

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Tomiyasu, Danilo, Hickey; Schouten (33′ st Medel), Svanberg (24′ st Dominguez); Orsolini (41′ st Sansone), Soriano, Barrow (41′ st Vignato); Palacio. A disposizione: Da Costa, Denswil, Paz, Mbaye, Poli, Baldursson, Vergani, Ruffo Luci. All.: Mihajlovic

  • Arbitro: Marinelli
  • Ammoniti: Ramirez Thorsby (S), Hickey, Palacio (B)

Come nel Giugno scorso, il Bologna vince meritatamente a Marassi pur senza strafare, contro una Samp oggi partita bene, andata subito in vantaggio e che nel primo tempo, fino alla rete subita a causa di un clamoroso svarione da partita “scapoli-ammogliati”, era parsa in controllo totale. Il secondo tempo è stato invece inguardabile, coi ragazzi di Ranieri poco lucidi e quasi mai incapaci di mettere alle corde il Bologna, che anzi, avrebbe potuto triplicare in contropiede.

La premessa doverosa è che il cambio di Augello quest’anno purtroppo è Regini e sappiamo che da anni non è più un giocatore di serie A. Si è visto anche in un altro parte di frangenti. Sarà anche un caso, ma l’autorete che ha rimesso in corsa il Bologna a fine primo tempo e dato coraggio ai rossoblù al rientro negli spogliatoi è stato suo. Ranieri per il resto aveva optato per un 4-5-1 con Ekdal davanti alla difesa e Thorsby – Silva mezz’ali.

Nel primo tempo Samp subito in vantaggio con Thorsby che al 7′ colpisce al centro dell’area di testa su corner battuto da Candreva. Skorupski tocca, ma non riesce a parare. Non succede poi granché, se si eccettua un tentativo di Quagliarella da lontano e un diagonale fuori dallo specchio di Palacio, comunque deviato da Audero. Poi una traversa colpita da Orsolini in chiaro fuorigioco.

HIGHLIGHTS Serie A, Sampdoria Bologna: tutti i gol del match - VIDEO

Quando le squadre stanno per avviarsi negli spogliatoi, l’ex capitano al 44′ devia in maniera goffa nella propria porta un pallone innocuo in area piccola, su un calcio d’angolo proveniente da sinistra. Si va negli spogliatoi col Bologna chiaramente rinfrancato da questo regalo inaspettato. Tutto sommato discreto primo tempo per la Samp. Fatto il gol praticamente non è successo più nulla e la partita sembrava in totale controllo. Un grandissimo Thorsby, a parte il gol. Silva, Candreva e Damsgaard un pò ovunque a lottare su ogni pallone.

Rientrano le stesse formazioni  nella ripresa e dopo una fase equilibrata, Barrow al 52′ mette un pallone sul secondo palo dalla trequarti sinistra. Audero non si schioda dalla porta, Regini perde nettamente Orsolini che va a colpire di testa realizzando sul primo palo con una facilità disarmante.

Serie A: Sampdoria-Bologna 1-2: gol e highlights dell'ottava giornata

I blucerchiati sembrano scuotersi subito e Quagliarella al 54′, su assist di Silva, dopo un ottimo recupero di Damsgaard, divora il pareggio calciando fuori a tu per tu col portiere. Al 55′ ci prova Candreva con un potente tiro centrale da lontano che Skorupski respinge sui piedi di Ekdal. Lo svedese cincischia e calcia sul destro subendo però la chiusura in corner di un bolognese. L’ultimo sussulto al 60′ con Quagliarella che devia di testa su cross di Regini, spedendo a lato di poco.

Da lì la Samp di Ranieri si spegne. Nervosismo (dello stesso mister che si fa espellere) e poche idee nonostante oltre mezz’ora per rimettere la partita in piedi. E’ il Bologna che invece va vicina al tris: al 70′ Barrow fuori di poco con una bomba da lontano, al 78′ Palacio calcia su Audero in uscita dopo una bella azione personale e all’94’ colpisce addirittura il palo a portiere ormai battuto. Per i doriani solo un colpo di testa innocuo di Ramirez su cross di Jankto.

Sconfitta dunque giusta considerando la mancata reazione e riorganizzazione dopo i gol incassati tra primo e secondo tempo. Gli episodi nel calcio contano, così come pesano gli errori individuali e la psicologia. Magari con Augello in campo oggi chiudevi il primo tempo in vantaggio ed era un’altra partita. Questo ovviamente può solo parzialmente giustificare quello che è stato poi. Anzi, non lo giustifica per nulla. Così come la prestazione di Ramirez conferma il livello della sua stagione finora. Scadente.

Per fortuna si rigioca Mercoledì e i ragazzi di Ranieri avranno subito la possibilità di farsi perdonare dalla tifoseria superando il turno nel derby di coppa. Inutile dire che questo darebbe una bella iniezione di fiducia dopo due partite in cui ci si attendeva decisamente di più, soprattutto dopo aver portato a casa dieci punti nelle precedenti quattro. Ora tocca a Ranieri capire cosa non va e provare a rimettere le cose a posto, forse prima di tutto a livello mentale. Certo che il fatto di aver preso cartellino rosso, non è un bell’esempio e neppure indice di lucidità.

Sampdoria-Bologna 1-2, il fotoracconto - la Repubblica

Le pagelle

Audero 5. Un paio di uscite coraggiose, poi latita su entrambi i gol restando incollato sulla riga di porta su palloni tutto sommato alla portata. Nel secondo caso prende gol addirittura sul proprio palo. Buon intervento su Palacio nel finale.

Bereszynski 6+. Partita ampiamente sufficiente sia in fase difensiva, nonostante un brutto cliente come Barrow, che propositiva. Non ha patito le fatiche delle partite con la nazionale.

Yoshida 6. Normale amministrazione, non viene chiamato in causa per interventi importanti.

Colley 7. Ottima prestazione del gambiano al rientro nella formazione titolare. Chiude l’impossibile di testa e di piede e nel finale si propone anche in avanti con aperture e cross.

Regini 4. Poteva essere un disastro annunciato, ma ha fatto peggio. Autorete degna di partite tra amici (scarsi), con postura completamente sbagliata (soprattutto per lui che è sinistro) su quel corner, distrazione sul secondo quando non riesce a seguire Orsolini che va a colpire di testa da due passi. Nel primo tempo aveva fatto passare facilmente Palacio nell’unica vera mezza occasione del Bologna. Sull’1-2 comincia anche a giocare benino, ma troppo tardi. Jankto 5,5. Ranieri lo fa entrare per creare qualcosa con Damsgaard sulla sinistra, ma i due combinano pochino.

Ekdal 5,5. Discreto primo tempo e naufragio totale (con due errori grossolani che innescano il Bologna sulla trequarti) nel secondo.

Candreva 6. Primo tempo più che sufficiente, con qualità in fase offensiva e grinta in quella difensiva, secondo mediocre. Calo fisico e nervosismo eccessivo non gli consentono di essere lucido. Ci prova con un tiro da lontano.

Thorsby 7. Altra prestazione di alto livello, soprattutto nel primo tempo. Realizza un gol di testa su calcio d’angolo (rarità per la Samp) e poi è uomo ovunque tra recuperi palla, contrasti, incursioni e filtranti per i compagni. Si vede meno nella ripresa, ma non ricordo suoi errori rilevanti.

Silva 6. Prestazione di grande dinamismo nel primo tempo, quando va a pressare alto e a prendersi paloni in basso quando c’è da impostare. Nella ripresa si spegne gradualmente. Ramirez 4,5. Completamente abulico. Entra per accendere la partita e non si segnala per nulla di buono a parte una ammonizione.

Damsgaard 6. Un bel primo tempo anche per lui, nel quale svaria tra sinistra e centro e si fa vivo con grande brillantezza e giocate nello stretto. Nella ripresa è ancora tra i più attivi, ma si incaponisce in aperture con cambio di campo, sbagliando regolarmente la misura. Dovrebbe amministrare meglio le forze per rendersi più pericoloso. Ha i numeri.

Quagliarella 5. Poco servito, ma anche poco presente nella partita. Ci prova con due tiri da lontano, abbastanza velleitari, nel primo tempo e con un colpo di testa fuori nella ripresa. Fallisce il gol del pareggio immediato su imbeccata si Silva. Troppo poco considerando che di fronte aveva una difesa, numeri alla mano, piuttosto mediocre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *