Confronto coi precedenti campionati (dopo 35 giornate)

Dopo 35 giornate di serie A, la Sampdoria 2019/20, ormai matematicamente salva, risulta in linea con i campionati 2009 (Mazzarri) e 2014 (Rossi / Mihajlovic). I 41 punti attuali sono comunque superiori ai 38 del 2006 (Novellino) e del 2013 (Ferrara / Rossi), ai 37 del 2016 (Zenga / Montella), stagioni nonostante tutto chiuse con la salvezza anticipata. Un gradino più sotto (36 punti) troviamo invece la squadra retrocessa nel 2011 (Di Carlo / Cavasin).

57 Sampdoria 2010
56 Sampdoria 2005
55 Sampdoria 2008
51 Sampdoria 2015 e Sampdoria 2018
48 Sampdoria 2019
46 Sampdoria 2017
45 Sampdoria 2007
42 Sampdoria 2014
41 Sampdoria 2009 e Sampdoria 2020
38 Sampdoria 2006 e Sampdoria 2013
37 Sampdoria 2016
36 Sampdoria 2011

Complessivamente come numero di sconfitte (18), è stato già eguagliato il record negativo del 2011 e del 2016. Ma verosimilmente viste le partite che attendono la Samp, sarà ristabilito. Anche i pareggi (appena 5), sono ad oggi numero più basso. Solo nel 2018, con 6, ci fu una situazione simile.

Per quanto riguarda il rendimento casalingo, con appena 6 vittorie, siamo allo stesso livello del 2006 e meglio solo del 2011 (5 successi). Come sconfitte è invece già eguagliato, con 8, il peggior risultato raggiunto nel 2011 e 2013. Anche il numero di reti subite (26), risulta migliore solo rispetto ai 29 del 2006 e 2014. Ma manca ancora una partita e purtroppo si rischia di peggiorarli.

Meglio in trasferta, dove con 6 vittorie, si è raggiunta (con due partite mancanti), la soglia raggiunta nel 2010 e 2015, ad un solo successo dai record del 2005 e 2008. Considerando che l’ultima partita sarà a Brescia, questo è eguagliabile. Il singolo pareggio (all’andata col Milan), è fin qui il numero minore dal 2005 a oggi. Furono 2 nel 2008.

Precedente Sampdoria-Genoa 1-2: video di azioni e interviste Successivo Precedenti di Juventus-Sampdoria (2000-2019)

Un commento su “Confronto coi precedenti campionati (dopo 35 giornate)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.