Crea sito

Analisi sul Bologna 2020/21 (andata)



Cosa è cambiato rispetto al 2019/20

A differenza dell’Estate 2019, quando ci fu una vera rivoluzione, nell’ultima sessione la società bolognese ha cambiato ben poco, soprattutto in entrata. In panchina confermato Mihajlovic. In campo invece i nuovi sono stati solo De Silvestri, svincolato dopo gli anni al Torino e Hickey, giovane proveniente dagli scozzesi dell’Hearts e Vignato dal ChievoVerona. Più qualche rientro da prestito, comunque non certo determinante per la rosa. Poche anche le partenze: Bani, Krejci e il giovane Juwara.

Bologna Fc mercato, Bigon "Supryaga? Pista chiusa. Tomiyasu resta" - Sport - Calcio - ilrestodelcarlino.it

La rosa giocatori 2020/21

Portieri e Difesa: in porta il titolare è il polacco Skorupski, alla terza stagione in rossoblu. Il secondo è il nostro ex Da Costa, il terzo il giovane Ravaglia, fin qui mai utilizzato.

Bologna, Skorupski non parte con la Polonia per una contusione al ...

Nella difesa a quattro di mister Mihajlovic, un posto sicuro al centro lo trova il giovane giapponese Tomiyasu, reduce da una prima buona stagione in Italia. Con lui lo stagionatissimo brasiliano Danilo (36 anni), o l’olandese Denswil. In alternativa Calabresi, il nigeriano Kingsley e l’argentino Paz. Terzino destro fin qui è stato il nostro ex De Silvestri, giocatore ancora affidabile nonostante 32 anni e vari infortuni. In alternativa il senegalese Mbaye, alla sesta stagione in rossoblu .Ballottaggio a sinistra dove possono giocare sia l’olandese Dijks, fin qui perlopiù infortunato, che lo scozzese Hickey.

Bologna: risposta alla Roma per Tomiyasu | Mercato | Calciomercato.com

Centrocampo: nei due mediani fin qui il più presente è stato l’olandese Shouten, già in crescita come spazi nel finale di stagione passato. Al suo fianco si sono fin qui alternati due giocatori molto giovani: lo svedese Svanberg, e l’argentino Dominguez. Tutto ciò in attesa che le prime due scelte, quasi sempre titolari nella passata stagione, recuperino dagli acciacchi: un altro nostro ex, Poli e il colombiano Medel, un vero mastino del centrocampo. 

Bologna, Schouten: "Ho rischiato di dover smettere con il calcio" - La Gazzetta dello Sport

Trequarti / Attacco: il Bologna già dallo scorso anno, gioca sia con trequartista e due ali, che con le tre punte. In questa fase Mihajlovic sta preferendo la prima soluzione. Intoccabile anche quest’anno il centravanti argentino Palacio, 38 anni, ma che non sembra risentire più di tanto dell’età da avanzato pensionamento calcistico. Fin qui per lui solo 1 gol e 1 assist, ma come sempre tanto movimento. Nel 2019/20 erano stati 8 gol e 3 assist.

Come prima punta in alternativa c’è il gambiano Barrow, che in questa fase viene schierato sull’esterno sinistra. Autore fin qui di 2 reti e ben 9 gol e 3 assist nelle 18 partite dello scorso campionato. Infine il possente paraguayano Santander, sempre più ai margini dopo una prima stagione 2018/19 abbastanza positiva.

Bologna, Barrow entra in corsa e cambia la gara: gol e assist per il 2-1 alla Sampdoria - CorrierediBologna.it

Poi c’è il nostro ex, Soriano, trequartista puro che dopo una prima stagione un pò deludente ha trovato migliore rendimento nella stagione scorsa, 5 gol e 10 assist, e si sta confermando in questa dove ha già 4 gol e 4 assist in poche partite. Sulla destra in genere gioca titolare Orsolini, atteso a una riconferma dopo la stagione della sua consacrazione in cui ha messo a segno 9 reti + 8 assist. Fin qui ha 2 gol e 1 assist all’attivo.

In alternativa l’estroso danese Skov Olsen, anche lui, come già lo scorso anno, bersagliato da problemi fisici e il giovane Vignato, fin qui coinvolto poco e solo in finali di partita. Altra prima scelta è Sansone, giocatore di corsa e qualità che parte dalla sinistra dell’attacco e dopo una discreta stagione passata, sta fin qui faticando per via di non ottimali condizioni fisiche. Un reparto vario e abbastanza qualitativo. 

Bologna, la probabile formazione: Denswil, Poli, la novità ...

Risultati 2020/21

Il Bologna anche in questo inizio di campionato sta ricalcando più o meno il rendimento standard di queste ultime stagioni. Troppo lontana e irregolare per la zona europea, abbastanza forte per non essere invischiata nella lotta per non retrocedere, dove in realtà spesso ci è comunque finita a seguito di rendimenti sotto le attese della rosa.

Mihajlovic conferisce, nonostante la brutta malattia, carattere e idee alla squadra, ma spesso non basta. Fin qui in trasferta hanno perso tre volte su tre contro Milan, Benevento e Lazio, segnando una sola rete. Meglio in casa dove hanno battuto Parma e Cagliari, oltre alla Reggina in coppa, e ceduto di misura a Sassuolo e Napoli.  C’è da considerare che fin qui hanno avuto notevoli problemi di formazione, soprattutto a centrocampo. E’ una squadra che sulla carta, a livello di titolari, sta circa sulla fascia della Samp, con qualcosa in meno e qualcosa in più.

Gli ex Sampdoria

Angelo Esmael da Costa Júnior (Sampdoria 2010-2015)

Lorenzo De Silvestri (Sampdoria 2012-2016)

Andrea Poli (Sampdoria 2007/08, 2009-2011 e 2012/13)

Roberto Soriano (Sampdoria 2011-2016)




 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *